Il Sorcio e il Riccio

topo_1Faceva freddo, e un sorcio intirizzito, mentre sta rannicchiato nella sua tana, sente alla porta lamentarsi un riccio che gli domanda alloggio, umiliato: «Io, dice, non voglio letto, né capezzale; mi accontento di un angolo, o di una sponda, o mi metto dalla parte dei piedi in punta in punta, basta che sia riparato dall’aria». Il sorcio aveva buon cuore, e spesso tocca a chi ha buon cuore inghiottire cotogne (bocconi amari NdT); molti sono gli ingrati che la chioccia cova! Entra il riccio e gli si accosta tanto che a causa delle spine il sorcio scoppia a piangere e disperato è scacciato dalla tana: e per di più l’usurpatore lo rampogna, e andava anche gridando: «Chi si sente pungere, esca fuori».

Lu surci e lu rizzu, dalla raccolta Favuli Morali di Giovanni Meli.

Facìa friddu, ed un surci ‘ngriddutizzu
mentri sta tra la tana ‘ncrafucchiatu,
senti a la porta lamintari un rizzu
chi ci dumanna alloggiu, umiliatu:

«Jeu, dici, ‘un vogghiu lettu, né capizzu;
mi contentu di un angulu, o di un latu.
O mi mettu a li pedi ’mpizzu ‘mpizzu,
basta chi sia da l’aria riparatu».

Lu surci era bon cori, e spissu tocca
A li bon cori agghiùttiri cutugna;
su’ assai l’ingrati, chi scuva la ciocca!

Trasi lu rizzu, e tantu si cc’incugna
Chi pri li spini lu surci tarocca,
e dispiratu da la tana scugna:

e di cchiù lu rampugna
l’usurpaturi, e jia gridannu ancora:
«Cui punciri si senti nèscia fora».