L’essenza del Mistico

Atmosfera terrestre

Atmosfera terrestre illuminata dal Sole

Siamo immersi nell’ignoto. Come l’atmosfera del nostro pianeta — grazie alla quale respiriamo, viviamo e che, per questo, costituisce tutto il nostro «mondo» — vista dallo spazio non è che una sottile pellicola che avvolge il pianeta Terra, così tutto ciò che sappiamo, conosciamo, congetturiamo, non è che una minima parte del conoscibile: la maggior parte delle verità dell’universo ci sono ignote. Quest’idea della pochezza del nostro sapere rispetto alla vastità dei misteri dell’universo originò, nella coscienza collettiva del popolo greco, l’idea del D*o ignoto ( Ἄγνωστος Θεός), di fronte al cui altare il saccente San Paolo andò a rimediare una ben magra figura. L’amore per la conoscenza non può che renderci sempre più coscienti della nostra condizione di nescienza e così i grandi interrogativi che l’uomo si pone di fronte alla vita restano senza risposta. Eppure si tende a qualcosa che si intuisce come esistente anche se non può essere detto; qualcosa di ineffabile. È questo D*o che non può essere detto l’essenza del mistico.

Flavio Pelliconi